La lettera minatoria era indirizzata al sindaco, a cui si chiedeva di recapitarla alla compagna dell'artigiano che ha travolto e ucciso Elisa Ferrero a Condove. A firmare la missiva un gruppo di motociclisti


Minacce di morte per Maurizio De Giulio, l'artigiano nichelinese in carcere da più di un mese dopo aver investito e ucciso a Condove  Elisa Ferrero, 27 anni, di Moncalieri. Un gruppo di motociclisti ha inviato al sindaco di Nichelino Giampiero Tolardo una lettera che anticipa possibili azioni violente contro il cinquantenne  elettricista: «La legge non dovrebbe mettere degli avvocati per difenderlo, ma dovrebbe dargli la condanna alla ghigliottina», «speriamo che lo facciano uscire dal carcere, ci penseremo noi» e ancora «l'esecuzione sarà pubblicata su internet». la lettera è arrivato in Comune nei giorni scorsi, proprio quando i medici stavano risvegliando Matteo Penna, il fidanzato di Elisa che si trovava alla guida della moto travolta da De Giulio. La lettera, che non risparmia minacce e insulti neppure alla compagna , è stata consegnata alle forze dell'ordine.